Fuga di back, voce che implora, voce che respinge, in te e' la mia pena assopita quasi da un languore pesante, che ha quasi tempo la soferenza d'amore.

Piccolo e misero ho portato in giro tutt'oggi la mia tristezza;

ora sono qui, solo e stanco, gl'occhi socchiusi.

Aspettero' fino alla calda estate, fino all'autunno, come tu vuoi;

sono assopito in questa musica, disteso, guardo le mie mani fredde, che aspettano il tuo ritorno.

 

Ultime notizie dall'agenzia giornalistica Italpress

Italpress

03 Ottobre 2022

Agenzia di Stampa Italpress
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.