Danzano le lettere,
disegnano parole.
Vocali e consonanti
scompongono i ricordi.
Più punti esclamativi


o interrogativi?
Prevale l’indulgenza
chi mai deciderà?
Sogni e pensieri astratti
sono fra virgolette.
Le virgole sorreggono,
tra un sospiro e l’altro,
vicende inconsistenti.
Punto e virgola in coppia
proseguono il discorso,
narrato dagli eventi.
Puntini a noi devoti
sospendono l’evolvere
di gioie troppo gravide,
grondanti esitazione…
Due punti chiariscono,
esaltano, preludiano
il discorso,
anticipano una spiegazione.
Periodi solcati da linee orizzontali
tratteggiano il presente,
rinnegano l’astruso.
Dorate parentesi
sono i giorni sereni.
Riunisce l’apostrofo
due corpi in un’anima.
A capo prosegue
un frammento spezzato,
continuano ad evolversi
le umane vicende.
Il punto conclude,
è la fine,
ogni cosa si placa,
ritorna a non essere.
Grammatica, sintassi, ortografia,
fondendosi creano
arazzi decorati,
la cultura si esalta.
Scava, attinge alla fonte,
nel bagaglio mentale.
Colmo salvadanaio,
non ammette inconclusioni,
le monete ignoranti,
sono infette, contagiano,
intaccano l’intelligenza.
L’ignoranza si arresta ai confini del naso,
senza spelling non sa
quale sia il passaporto.
La cultura raccoglie frutti ambiti,
gustati da dotti oratori.

Ultime notizie dall'agenzia giornalistica Italpress

Italpress

03 Ottobre 2022

Agenzia di Stampa Italpress
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.