vorrei che tornassi... A volte, sai, mi accade di pensarlo, e di immaginare, e di fantasticare... Vorrei che tornassi, per sentirmi di nuovo al tuo cospetto la donna che non sono più. Vorrei che tornassi, per sperare nella magia del futuro senza guardare a quella del passato. Vorrei che tornassi, per cambiare i vitigi con i baci, le incomprensioni con i sorrisi, le fughe con le carezze.

Vorrei che tornassi, per prendermi un po' più in giro, per prenderti un po' più sul serio. Vorrei che tornassi, per toccarti il cuore con dita diverse, più esperte, in un modo che non conosco ancora. Vorrei che tornassi, per donarti la breve eternità di quei sapori, di quelle note, di quei profumi. Vorrei che tornassi, per non confondere più il vento e i sospiri, la pioggia e le lacrime, il calore del suo sole col ricordo del tuo. Vorrei che tornassi, quando i ricordi come punte di spillo penetrano sotto la pelle, per ritrovare di nuovo un po' di noi. Vorrei che tornassi, quando lui mi parla d'amore, per capire se sono ancora in grado di ascoltare. Vorrei che tornassi, a volte, quello che per me non sei stato mai, la dolce fantasia che eri prima che di colpo mi risvegliassi. Vorrei che tornassi... Certa ormai che farai parte solo del più irreale dei sogni...