Dentro una camera bagnata dal sole, su quel letto fatto di niente, in quell'unica notte nostra,

se un istante o un'eternità fa non ha importanza, hai dormito dentro me, protetto dai nidi dispersi del mio abbraccio.

In questa notte fatta di te, questa mia notte che sento ancora qui, io nel mio letto e tu chissà dove,

soffio via le briciole di quella dolcezza dal pavimento della memoria... ma sceglierei te.

La mia pelle che ti ascoltava fino a farmi svenire di carezze, tra il sapiente vortice dei baci...

E lenta respirarti, i corpi che iniziavano a impastarsi, amando il tuo desiderio, le tue umide fette di vento...

Scrivo silenzi e pause fra i ricami del mattino, solo miraggi sfiorati, solo tenere lacrime...

Solo briciole di me disseminate lungo il tuo percorso, verso un dove che non raggiungeremo mai... ma scelgo te.

In queste notti d'amore tra sogno e fantasia, tu vestito di niente e io a ricoprirmi di nulla,

ti amo come non ho mai amato, come non sono stata amata mai, come non so se posso amare...

Istanti che non mi appartengono, eppure sentirli miei... ma, se tu solo vorrai, sceglierò te.