Mentre liquida scivola via la seta della notte, le lenzuola che sanno di buio e carezze mancate, e ne assaporo il canto fatto di note fruttate e ipnotiche, e sfioriscono i colori di un'alba senza riposo, quasi il sapore confuso di una promessa... Sì, è allora che amo rivestirmi di te, calda di sogni nascosti, i sensi ancora increduli. Eppure saprei immaginare per noi altri viaggi, per paura che questo non ci basti più, un giorno. Vorrei fosse soltanto la pioggia della tua voce a spegnere il mio fuoco. Solo così potrei viverti piano, immemore ormai di parole perse, per sempre forse. E intanto m'innamorerò di un'attesa, di un amore inesatto, m'innamorerò di noi. Ma tu restami addosso, non lasciarmi un istante senza le tue labbra, ruba per me i ricordi migliori che guidano i gesti del cuore, avvolgimi nelle evanescenze malinconiche del tuo orizzonte. Perché è di notte che sai rimanere Intrappolato nella rete del mio sonno, che l'anima scrive d'amore nei suoi strani voli, là dove sono scivolate le frasi di un desiderio che ancora ci appartiene, e ricorda tutto di noi, e insegue ogni trasporto...